Statistiche sul turismo in Italia ed Europa per l’estate 2011

statistiche-estate-2011

Negli ultimi giorni sono state diffuse alcune statistiche sul turismo in Italia ed Europa molto interessanti, poiché registrano le abitudini dei viaggiatori e le modalità di acquisto utilizzate per la prenotazione delle vacanze estive 2011.

Più vacanze estive prenotate in Italia

Partiamo dalla ricerca effettuata dall’agenzia di viaggi Opodo.it, che evidenzia un incremento nelle prenotazioni con destinazioni nazionali: Roma e Milano sono nelle prime posizioni, seguite da Catania, Palermo, Napoli e Bari.

Il dato più utile riguarda la spesa media, anch’essa aumentata rispetto al 2010: adesso il viaggiatore “a lungo raggio”, cioè chi si sposta più lontano, spende 1000 € a persona (nel 2010 era inferiore) mentre quello “a medio corto raggio” spende 250 €, un leggero calo rispetto ai 290 € di un anno fa.

Questo calo è motivato dal rialzo dei costi dei vettori low-cost, determinanti sul totale complessivo, ma è compensato dalla crescita del numero totale di prenotazioni.

A fronte di questo trend positivo sul turismo interno ci sono delle new entries anche nei viaggi verso l’estero, si tratta di Riga e Las Vegas, accanto alle mete che rimangono in top ten come New York, Los Angeles e Bangkok. E’ sul web che il turista decide la combinazione a lui più conveniente (volo+hotel o altri servizi accessori), oltre a informarsi sul luogo dove andrà in vacanza.

Scarica il pdf – Prenotazioni Estive 2011.

Chi prenota prima e chi dopo

Il confronto con gli altri paesi europei è molto interessante per renderci conto delle abitudini e delle concezioni differenti in voga tra i turisti online. Per saperne di più rivolgiamoci a Lastminute.com che ha appena presentato un sondaggio internazionale.

Gli italiani sono tra i più “ritardatari”, nel senso che attendono fino a 20 giorni prima della partenza per prenotare, cercando tra le offerte più vantaggiose. Ci battono solo gli irlandesi, che decidono tutto 11 giorni prima.

La durata media della vacanza varia tantissimo da paese a paese: basti pensare che i turisti italiani in media fanno vacanze di una settimana, gli spagnoli riescono a raddoppiare con 14 giorni di durata.

La ricerca di Lastminute.com evidenzia che i francesi tendono a spendere di più con un budget di 1570 €, invece gli italiani sono il fanalino di coda con 680 € in media, circa la metà dei tedeschi.

Scarica il pdf – Abitudini degli europei 2011.

Quali strutture ricettive scegliere

Secondo i dati stravincono gli hotel 4 stelle, preferiti da buona parte dei turisti europei, ma la gamma dei trattamenti scelti va dalla formula all inclusive (prediletta dagli italiani) al b&b scelto dagli spagnoli. Riguardo i servizi accessori negli agriturismi italiani è uscita un’altra statistica che svela una tendenza forse poco nota ma sempre più diffusa, l’accoglienza degli animali domestici.

Grazie a Toprural.it, che ha svolto una ricerca fra quasi 11.000 agriturismi italiani, emerge che l’offerta è cresciuta in 2 anni del 2% e che le regioni con la concentrazione interna più alta di agriturismi pet-friendly sono il Piemonte (39,5%) e la Valle d’Aosta (39,4%).

La densità su base nazionale consegna un dato diverso, in questo caso è la Toscana ad avere più strutture di questo tipo (18,7% del totale), mentre in fondo alla classifica ci stanno Calabria e Basilicata.

Un dato rilevante, sebbene in totale siano meno di un terzo gli agriturismi che offrono questo servizio, che segnala la necessità sempre più diffusa dei viaggiatori a portare con sé i loro amici a quattro zampe, del resto è sempre complicato affidare il proprio cane o gatto a qualcuno durante le ferie.

Scarica il pdf – Agriturismi pet friendly 2011.

Le mete più prenotate e i nuovi trend

Diamo un’occhiata alle destinazioni in generale per sapere quali sono le “evergreen” e quali paesi invece sono stati “riscoperti” da poco dai turisti.

Sempre dai dati di lastminute.com è stata stilata una classifica: gli italiani preferiscono il Mar Rosso, seguito da Grecia e Isole Baleari. Riguardo invece l’estate 2011, le mete più gettonate dai viaggiatori italiani sono la Turchia, le Canarie e la Sardegna.

Una delle caratteristiche della stagione estiva è che si seleziona una città e un hotel anche in base all’offerta di eventi, party, occasioni di divertimento di ogni genere.

Per capire meglio la situazione, ci viene incontro la top ten elaborata da trivago.it, il celebre comparatore prezzi di hotel, che ha scoperto quali sono le destinazioni favorite dai giovani per quest’estate.

Al primo posto c’è Tallinn, capitale dell’Estonia, nominata quest’anno Capitale Europea della Cultura e molto amata da chi frequenta discoteche e club; l’offerta di locali, infatti, è molto ampia e rappresenta una valida alternativa per uno svago fresco e all’ultima moda.

Sul podio della classifica seguono Berlino, ormai un classico per chi è in cerca di location originali dove andare a ballare, e Saint Tropez, la favorita dai Vip e non solo.

Qui il sole splende tutto l’anno e si può approfittare delle spiagge più chic d’Europa, celebrandone il fascino a bordo di uno yacht o in un club in riva al mare.

L’unica meta italiana della top ten è al settimo posto, e conferma il periodo fortunato della Puglia: il Salento, infatti, segna un aumento costante di turisti, giovani e non solo, grazie alla qualità delle spiagge e all’ampia offerta di eventi, tra sagre, concerti, rassegne culturali, un mix di folklore e innovazione.

Potrebbe essere un esempio per altre regioni italiane, che senz’altro sono ricche di tesori da visitare ma il più delle volte poco valorizzati.

Scarica il pdf – Party Destinations.

“Ti è piaciuto questo articolo? Allora cosa aspetti? Iscriviti al nostro feed rss per essere sempre aggiornato sui contenuti pubblicati nel blog Turismo&Consigli, oppure diventa fan sulla nostra pagina facebook!”

5 Comments

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>