3 esempi di marketing territoriale da seguire

travel-trends-social-media

Turismo è sinonimo di Social Media. Le persone acquistano consultando i social, scelgono abiti, scarpe e accessori per l’auto attraverso Facebook e Twitter. E, ovviamente, pianificano le vacanze.

Vacanze che sono sempre piacevoli da organizzare anche se le ferie diminuiscono, e a volte si riducono a una semplice settimana di pausa. Al tempo stesso è sempre più forte l’esigenza di risparmiare, di trovare un’offerta che permetta di modellarsi intorno alle esigenze del budget.

Ovviamente senza rinunciare alla qualità. I professionisti del reparto turistico comprendono questa esigenza. E cercano di sfruttare al massimo i social per spingere le proprie offerte.

Ti piacerebbe fare lo stesso, vero? Ti piacerebbe usare la leva del social web per migliorare la tua brand reputation online, per farti conoscere da potenziali clienti e magari aumentare il fatturato della tua struttura turistica?

Prendi spunto da chi ha più esperienza di te: guarda come si muovono i professionisti del settore traveller sui vari social.

Cesenatico Bellavita

Il progetto di Cesenatico Bellavita è iniziato il 9 luglio 2012 con un obiettivo chiaro: raccontare attraverso l’esperienza autentica di circa 40 blogger una località turistica.

cesenatico-bellavita

Niente di nuovo, giusto? Questa è la formula del blog tour, ovvero dell’ospitare persone più o meno influenti sul web per invitarle a descrivere l’esperienza vissuta. Ma perché Cesenatico bellavita è stato un successo? Perché ancora oggi ci ricordiamo del suo hashtag (#cesenaticobellavita) e degli articoli che hanno raccontato questa avventura?

Perché, come suggerisce Francesco Gavello, è stata data grande libertà ai partecipanti. Tutti i blogger odiano le forzature, odiano le costrizioni che impediscono di raccontare il proprio punto di vista per assumere un tono falso e commerciale.

Le informazioni sono state comunicate con chiarezza, nessuno ha costretto i blogger a scrivere recensioni, non ci sono state imposizioni. In questo modo è stato raggiunto l’obiettivo: dare massimo risalto alla località Cesenatico. Non ti sembra un buon modo di fare marketing territoriale?

We Like Sila

Ho conosciuto questa idea dal mio amico e collega Arturo Salerno durante il WebReevolution del 2013 e mi ha subito affascinato. We Like Sila non è semplicemente un progetto di marketing turistico, ma è un modo nuovo per raccontare uno dei grandi tesori naturalistici del sud Italia: la Sila.

We Like Sila è un racconto dedicato a questa oasi creato grazie alle esperienze (foto, racconti, testimonianze, tweet) di chi l’ha vissuta. Qui, in altre parole, trovi le narrazioni dei cittadini e dei turisti. Un’ottima soluzione per mettersi in gioco, ma soprattutto per creare user generated content e coinvolgere le persone.

welikesila

E quando arrivi sul sito capisci subito che qui sono le emozioni delle persone comuni a dettare le regole del gioco. Con We Like Sila si immagina, si racconta, si osserva il territorio. E sei tu a dare il contributo per descrivere nel migliore dei modi la Sila.

Ispired by Iceland

Lasciamo l’Italia e dirigiamoci verso nord. Ecco, siamo arrivati in Islanda, una delle terre più fredde e ostili. Come spingere un turista a scegliere l’Islanda come meta delle proprie vacanze quando tutti sono attratti dalle calde spiagge tropicali?

iceland

Semplice (almeno in teoria). Devi usare i social media e segnare una linea che faccia sognare le persone. O meglio, che crei ispirazione. Ed è proprio questo il tema scelto dall’Islanda: Inspired by Iceland.

Su Twitter si susseguono gli hashtag (#icelandsecret invita gli utenti a condividere i luoghi segreti) e sulla pagina Facebook le foto mozzafiato attirano l’attenzione degli utenti, senza dimenticare l’engagement. Sono stati anche organizzati dei concorsi per premiare l’autore della foto più bella.

Ci sono anche dei video con personaggi famosi (e qui torna la forza del testimonial) ma è la presentazione del progetto Inspired By Iceland a catalizzare i click: è confezionata a regola d’arte, è simpatica, è dedicato alle persone che scelgono l’Islanda per divertirsi e godersi la natura.

Il Marketing Turistico per te

Questi esempi ti fanno venir voglia di metterti in gioco. Ma il circuito dei social non è uno scherzo: promuovere una destinazione o la propria azienda online vuol dire mettere in campo competenze specifiche, affrontare difficoltà e crisi, leggere i risultati nel modo giusto.

Tu riesci a fare tutto questo per la tua azienda?

Video Corso Marketing Turistico

Articoli correlati

Travel Storytelling in Italy, l’infografica sui blog e magazine più social

I social media e il mobile influenzano la customer experience

I 10 errori più comuni commessi dagli albergatori

“Ti è piaciuto questo articolo? Allora cosa aspetti? Seguimi su Google Plus per essere sempre aggiornato sui post che pubblico su Turismo&Consigli e altri blog, oppure diventa fan cliccando mi piace sulla pagina facebook ufficiale!”