Tripadvisor e Facebook, il viaggio è sempre più social

Cities i've visited

Chi ama viaggiare frequentemente è predisposto a condividere le proprie esperienze, i consigli sulle località visitate, i suggerimenti sulle strutture ricettive, le foto e i ricordi della vacanza in primo luogo con i propri amici e poi con altri viaggiatori.

Questa semplice constatazione ci fa comprendere come i social network siano il “posto” più naturale dove cercare e condividere informazioni sui viaggi, infatti esistono numerose applicazioni nate per aiutare gli utenti a postare contenuti relativi a vacanze e soggiorni in altre città e paesi.

Se Facebook è il social più diffuso e Tripadvisor è il portale più usato per le recensioni online, non ci deve sorprendere che da un connubio fra i due sia nata un’app che stimola gli utenti a creare i propri appunti di viaggio e aggiunge qualcosa in più in termini di user experience rispetto ad altre app e al sito di Tripadvisor che tutti conosciamo.

Scopriamo come funziona questa formula vincente e perché sta riscuotendo grande successo tra gli utenti di Facebook.

Ludico e geolocal, il segreto di Tripadvisor

L’app in questione si chiama Cities I’ve Visited, è stata creata da un team di Chicago con il nome di Where I’ve Been e in seguito acquisita da Tripadvisor, e consente di mappare tutti i propri viaggi con dei pin in corrispondenza delle città visitate e i giudizi sulle attrazioni visitate, i ristoranti e gli hotel, assegnando dei voti da 1 a 5 (come sul sito ufficiale di Tripadvisor).

Quest’app integra le funzioni del sito di recensioni con la geolocalizzazione, grazie alla mappa di Bing che poi è possibile pubblicare sulla propria timeline o embeddare su siti esterni tramite codice html.

L’app mostra sulla timeline una serie di informazioni: la distanza complessiva che abbiamo totalizzato viaggiando, i luoghi valutati e la percentuale del mondo visitata.

Dopo essersi loggati su Facebook e autorizzato l’applicazione è possibile invitare i propri contatti a fare altrettanto e confrontare i propri punteggi.

Ho parlato di punteggio perché è l’aspetto ludico dell’app a fare la differenza: la componente che più di tutte incoraggia i viaggiatori a  utilizzare l’app, infatti, è costituita dai badge, sulla falsariga di Foursquare.

Si ottengono badge in base al numero di città viste, al totale dei paesi del mondo visitati, i continenti, al numero di amici che fanno parte del proprio network e infine si guadagnano dei distintivi di valutazione (il primo si riceve dopo 10 valutazioni, il massimo ottenibile è 200).

Racconta i tuoi viaggi

L’interfaccia di Cities I’ve Visited è molto semplice e intuitiva da usare, come si può vedere dagli screenshot. Per aggiungere una città o un’attrazione turistica sulla cartina è sufficiente selezionare la casella “Già visitata” oppure “Voglio andare” (utile per programmare un viaggio) o “Preferita”; in questo modo si disegna un itinerario dettagliato e facilmente consultabile cliccando sulle pin.

Le tappe dei nostri viaggi diventano così un racconto, un identikit con le nostre preferenze e le mete desiderate, una mappa personalizzata da confrontare con quelle dei nostri amici.

Proprio questa funzione di gioco, di competizione con i propri contatti, è la parte più divertente e utile, perché ci può fare scoprire destinazioni a cui non avevamo pensato e generare un proficuo scambio di informazioni sulle location da non perdere in vacanza.

Scopri chi viaggia di più

Cliccando su “Amici”, infatti, possiamo selezionare con quale dei nostri amici su Facebook confrontarci e scoprire chi ha un punteggio maggiore, ovvero chi ha visitato più città e recensito più punti di interesse turistico. L’elenco in basso mostra nel dettaglio le città in cui si è stati e quelle ancora da vedere, un veloce colpo d’occhio per sapere chi è più giramondo.

Anche questa classifica è pubblicabile sulla bacheca di Facebook, come i badge guadagnati, che sono visualizzati tra le attività, insomma l’effetto virale dell’app è assicurato.

Diari di viaggio e social network a braccetto

Il successo di quest’app è enorme e va ricordato che Tripadvisor è tra gli early adopter delle app specifiche per Facebook, avendo lanciato nel 2007 la prima versione della propria app. Ora, grazie all’Open Graph è stato possibile implementare Cities I’ve Visited con tutte le migliorie che abbiamo visto e di conseguenza il numero di utenti mensili di quest’app si è decuplicato, segno di un grande interesse degli utenti verso i viaggi e le recensioni online.

Grazie a questa nuova applicazione le recensioni dei viaggiatori su hotel, ristoranti e attrazioni turistiche acquisiscono dunque ulteriore visibilità grazie all’enorme diffusione di facebook, nonchè un peso maggiore in termini di riprova sociale. In Cities i’ve visited infatti le opinioni visibili sono quelle effettuate dai propri amici su facebook, quindi i contenuti godranno sicuramente di maggiore autorevolezza e fiducia.

A mio avviso con questa mossa tripadvisor scaverà un ulteriore solco con tutti i suoi principali competitors!

Visita l’applicazione su Facebook https://www.facebook.com/CitiesIveVisited e fammi sapere cosa ne pensi in proposito! :-)

Articoli correlati:

Tripadvisor: perchè non si può farne a meno!

Recensioni online: gli utenti si fidano o no?

“Ti è piaciuto questo post? Allora non perdere tempo! Iscriviti subito al feed rss e rimani aggiornato! Altrimenti per seguire tutte le iniziative, i concorsi e i contenuti extra di Turismo & Consigli puoi anche seguirci su Google +, su facebook, o  twitter!”