Booking Engine per gli Hotel: Quale scegliere e perchè?

Oggi parliamo di Booking Engine, un tema che non ho mai approfondito nello specifico, pensando forse ingenuamente, che fosse un argomento scontato e ampiamente noto alla stragrande maggioranza degli albergatori. Nulla di più sbagliato!

Ancora oggi nell’era del web 2.0, ci sono infatti tantissimi hotel in Italia che non utilizzano questo strumento, credendo erroneamente di poterne fare tranquillamente a meno. Per rendersene conto basta fare un giro su internet, io stesso questa estate per organizzare la mia minivacanza ho fatto fatica a trovare siti di hotel con all’interno un booking engine.

Ci sono poi albergatori che hanno optato per un booking engine scadente e poco utile per il proprio business, o altri che magari vorrebbero semplicemente acquistarne uno ma non sanno come orientarsi nella scelta.

Bene! Leggete questo post con attenzione e sicuramente avrete le idee più chiare.

Che cos’è un booking engine?

E’ un software che consente agli utenti che si collegano al sito web di una struttura ricettiva, di consultare in tempo reale la disponibilità delle camere, e successivamente di prenotare in maniera autonoma il proprio soggiorno, fornendo i dati della propria carta di credito a garanzia.

Quali sono i principali vantaggi per l’utente finale?

  • Immediatezza: il sito web di un hotel senza booking engine, costringe l’utente a dover inviare una mail di richiesta, aspettare la risposta dell’albergatore, reinviare in caso di disponibilità i dati necessari per la prenotazione, ed infine attendere la conferma definitiva. Questi passaggi ovviamente comportano un maggiore sforzo ed una perdita di tempo per entrambe le parti, ma principalmente sono un vero deterrente per il potenziale cliente, che spesso non effettua la prenotazione. Con un booking engine tutti questi annosi passaggi non sono necessari, e l’utente ha la possibilità di prenotare in pochi secondi.
  • Sicurezza: gli hotel senza booking engine solitamente richiedono i dati della carta di credito al cliente tramite e-mail, prassi poco gradita soprattutto ai turisti stranieri, che prediligono fornire i dati della loro carta di credito tramite connessione sicura e criptata, proprio quella utilizzata dai booking engine.
  • Tariffa migliore: il Booking Engine sul sito ufficiale dell’hotel, per l’utente rappresenta il posto più idoneo dove trovare le tariffe migliori e più aggiornate per il proprio soggiorno.

Quali sono i principali vantaggi per una struttura ricettiva?

  • Meno lavoro e più tempo libero: Risparmiando così tanti passaggi sul processo di prenotazione, che diviene veloce ed automatizzato, l’albergatore ha più tempo libero per dedicarsi ad altro.
  • Aumento delle prenotazioni: il principale pregio di un booking engine, è quello di incrementare le conversioni, ovvero il numero di visitatori sul sito che prenotano effettivamente una camera.

Quali booking engine evitare?

Fra i molti booking engine in commercio, c’è una categoria che vi sconsiglio assolutamente di prendere in considerazione, quelli a commissione. In pratica invece di pagare un fee annuale, si paga una percentuale d’intermediazione che oscilla solitamente fra il 4% ed il 10% sulle prenotazioni ricevute tramite il booking engine. Questa soluzione per quanto possa comportare un risparmio in fase iniziale, a fine anno risulta quasi sempre più dispendiosa per l’albergatore.

Caratteristiche fondamentali che deve avere un booking engine?

  • Facile, intuitivo, veloce, stabile: Pochi fronzoli, schermate chiare, pochi passaggi, caricamenti veloci per una migliore navigazione dell’utente, e stabilità del server. Già avevo spiegato in questo precedente post Conversione delle visite in prenotazioni, che il principale ostacolo per l’utente che vuole effettuare una prenotazione online, paradossalmente è proprio il booking engine afflitto da problemi di natura tecnica, o con una navigazione poco “user friendly”, come testimonia questa slide estrapolata dal report “Hospitality Industry Report” condotto da Iperceptions:
problema conversione prenotazioni

slide Benchmark Iperceptions

  • Back Office semplice e performante: Stesso discorso vale anche per il back office utilizzato dall’albergatore per caricare disponibilità, tariffe, offerte, etc. Questo pannello di controllo deve essere uno strumento completo, facile da utilizzare, ed in grado di fornire dati statistici sull’utilizzo effettuato dagli utenti.

Per conoscere eventuali pregi e difetti di un booking engine, consiglio di rivolgersi all’azienda che lo ha realizzato, per richiedere l’indirizzo di alcuni siti web in cui è integrato. A questo punto fate una prova su questi siti come se foste un turista che vuole prenotare una camera, così potrete verificare di persona la validità del booking engine. Se vi sembra troppo difficile da navigare, lento nei caricamenti, e richiede passaggi inutili all’utente, sicuramente non vale la pena acquistarlo.

I migliori booking engine in circolazione consentono anche un periodo di prova di circa un mese, vi consiglio di approfittarne, così potrete utilizzare di persona anche il back office, testandone ogni caratteristica.

  • Channel Manager per aggiornamento disponibilità su OLTA e GDS: il channel manager è un’altra funzione utilissima, soprattutto agli hotel di medie/grandi dimensioni, che consente di aggiornare comodamente dal solo pannello di controllo del booking engine, sia la disponibilità sul sito dell’hotel, sia sui GDS, che sui vari portali turistici come Expedia, Bookings, Venere, Last Minute, etc.

Esempio integrazione booking engine

  • Integrabile nel sito web dell’hotel: il booking engine deve poter essere integrato facilmente, con un apposito box di ricerca, all’interno di ogni pagina del sito web dell’hotel.

Il box integrato ha il compito di trasmettere al booking engine tutte le informazioni inserite dall’utente per verificare la disponibilità, come la data di arrivo, giorni di permanenza, numero di adulti, camere, etc. In questo modo con un unico passaggio l’utente riceverà nella schermata successiva l’esito positivo o negativo in base alla sua ricerca.

Questa integrazione del booking engine oltre ad abbreviare ulteriormente i passaggi richiesti all’utente, rappresenta anche una fortissima call to action, cioè un chiaro invito all’azione nel processo che porta poi alla prenotazione effettiva della camera.

Tracciamento di conversioni e ROI

Questa caratteristica è talmente importante che merita di essere affrontata da sola.

Partiamo dal presupposto che il sito di un hotel è paragonabile ad un E-Commerce, la sua finalità principale dovrebbe essere la vendita online di camere.

Immaginate di essere un albergatore che decide di affidarsi ad una web agency ed investire un cospicuo budget pubblicitario su diversi canali, esempio:

  • 6000 Euro per il SEO (posizionamento nei motori di ricerca)
  • 4000 Euro per il SEM (annunci sponsorizzati o pay per click su google e yahoo)
  • 3000 Euro per l’inserimento su 5 portali turistici con fee annuale

L’unico modo per analizzare il ritorno dell’Investimento di questi canali di web marketing, è quello di avere un software di Web Analytics collegato al booking engine dell’hotel e configurato per il tracking di conversioni e ROI.

In questo modo oltre ad avere la possibilità di conoscere i classici dati statistici relativi al traffico (numero di visitatori, tempi di permanenza sul sito, etc.), potrete anche analizzare i dati di vendita, verificando la provenienza delle prenotazioni ricevute (motori di ricerca, link su portali turistici, etc.) e quindi “l’effettivo beneficio economico apportato da ognuno degli investimenti sostenuti“.

Esempio: Avete speso 300 Euro per essere presenti su un portale straniero? Grazie al tracking di conversioni e ROI a fine anno saprete esattamente le visite, ma soprattutto il numero ed il valore reale delle prenotazioni effettuate da utenti arrivati tramite quel portale. Così potrete valutare con esattezza se vi conviene o meno pagare il fee per l’anno successivo.

Stesso discorso vale naturalmente anche per il SEO, per i pay per click, i banner, e vari altri canali, grazie a questo tipo di tracking nessun investimento pubblicitario sul web sarà fuori controllo.

Per capire esattamente di cosa sto parlando, siccome un’immagine è meglio di 1000 parole, cliccate sullo screenshot di seguito, in cui sono riportate le statistiche di un mio cliente:

Riepilogo ECommerce di Google Analytics

Riepilogo ECommerce di Google Analytics

Come potete vedere nell’immagine il software che in questo caso specifico è Google Analytics, grazie al tracking collegato al booking engine, ci dice esattamente la percentuale di conversioni, il valore medio delle prenotazioni, le tipologie di camere acquistate, il totale in euro di prenotazioni ricevute, ma soprattutto il valore economico generato dalle diverse fonti,  che nello specifico sono google organic con circa 18.000 Euro, accessi diretti al sito (utenti che già conoscevano l’indirizzo e che avevano il sito fra i preferiti del browser) per circa 7.2790 Euro, il portale relaistoscana.com con 2.551 Euro e via dicendo…

Oltre a questo è anche  possibile conoscere le parole chiave che hanno generato più prenotazioni da Google Organic e Google Adwords, in modo da poter riscontrare la validità delle strategie SEO e SEM, migliorandole se necessario.

Senza questi dati statistici è impossibile fare investimenti mirati, pianificare ed ottimizzare una strategia di web marketing, “sarebbe come navigare a vista“.

Conosco molte strutture che nonostante abbiano una buona visibilità sul web, non ottengono il giusto numero di prenotazioni, a causa di un booking engine poco performante, il quale alla fine pregiudica un’intera campagna di marketing.

Quello che bisogna comprendere e che sottolineo se ancora non lo aveste capito, è che non importa il numero di visitatori che arrivano sul sito del vostro hotel, ma quanti di questi effettivamente prenotano!

Se volete che il vostro sito sia un vero strumento di vendita, uno dei tasselli imprescindibili è proprio il booking engine, quindi se avete intenzione di acquistarlo perchè non lo avete, o se volete cambiarlo perchè vi siete resi conto che quello utilizzato non vi soddisfa appieno, allora mi raccomando, fate una scelta ragionata, di testa e non di portafoglio.

E tu hai altri suggerimenti, esperienze e punti di vista sulla scelta riguardo il booking engine? condividile lasciando un commento.

Video Corso Marketing Turistico

“Ti è piaciuto questo articolo? Allora cosa aspetti? Seguimi su Google Plus per essere sempre aggiornato sui post che pubblico su Turismo&Consigli e altri blog, oppure diventa fan cliccando mi piace sulla pagina facebook ufficiale!”