Siti mobile sempre più determinanti nel turismo

siti-mobile-turismo

Il modo in cui le persone viaggiano sta cambiando velocemente grazie ai dispositivi smartphone e ai siti mobile; questo riguarda ogni fase della vacanza, dalla scelta della destinazione alla pianificazione del viaggio, dalla prenotazione di un aereo al modo in cui il turista trascorre il suo tempo una volta arrivato.

Ciò significa anche avere nuove opportunità per fare marketing e stare in contatto con gli utenti, sia prima che dopo il loro viaggio.

Da una ricerca di eMarketer è previsto che quasi 25 milioni di utenti mobile americani nel 2011 cercheranno informazioni turistiche sui loro dispositivi mobile prima di fare un viaggio, e quasi 12 milioni prenoteranno quest’anno la propria vacanza tramite il canale mobile.

L’autore di questo report sui trend del settore, Noah Elkin, ha affermato che il mobile ha mutato profondamente l’esperienza del viaggio, dai preparativi fino ai servizi in loco e in aereo, ogni fase è trasformata dai dispositivi mobile in una parte essenziale della vacanza, portando informazioni vitali a portata di mano e di conseguenza diverse modalità di marketing.

Traducendo in concreto, chi gestisce una struttura ricettiva o lavora nell’indotto del turismo, deve essere in condizioni di sfruttare questa tendenza e non farsi trovare impreparato. I turisti, infatti, sono sempre più esigenti e privilegiano chi offre servizi differenziati e personalizzabili.

Il primo passo è senza dubbio avere un sito web ottimizzato per il mobile, possibilmente cross-platform, cioè visibile su tutti i modelli di smartphone (Iphone, Android, Symbian, Blackberry, Windows Mobile, etc..).

App o sito ottimizzato?

Da un’altra ricerca, svolta da EyeforTravel, si evince che negli ultimi 3 mesi il rapporto tra le aziende del settore travel e le app è in fase calante. Un dato che di primo acchito può sorprendere e si rivela fondamentale per capire dove investire il proprio budget.

Solo l’8% delle grandi aziende travel (cioè che hanno speso una cifra tra i 51 e i 100 milioni di dollari in marketing) non ha un sito mobile mentre il 25% non ha sviluppato un’applicazione mobile. Questi dati indicano che praticamente tutti i big player del turismo hanno investito sul mobile, prediligendo il sito mobile alle app.

E’ interessante notare che chi ha investito risorse in questi canali ha avuto un ritorno in termini di visibilità e il 42% di queste aziende ha incrementato il traffico di utenti sia grazie alle app sia al sito mobile. Questo suggerisce che sono i costi elevati dello sviluppo di un’applicazione a rallentare gli investimenti.

I costi del mobile marketing, infatti, sembrano ostacolare le aziende più piccole. Il 67% delle aziende travel con un budget per il marketing inferiore a 400.000 dollari non sta ancora tracciando il traffico e le prenotazioni provenienti dal mobile browsing e dalle app. Invece è consigliabile farlo da subito, se teniamo conto che Lastminute.com ha avuto una crescita del 400% delle visite via mobile nel 2010!

Secondo le previsioni statistiche, dunque, la percentuale di utenti negli USA che cercheranno informazioni su mete di viaggio e hotel salirà al 31% via cellulare e al 34% via smartphone. Contestualmente i dati annunciano un 16% di utenti che si connettono via cellulare e un 18% di utenti smartphone che prenoteranno dai loro dispositivi.

Senza sito mobile si perde una fetta di utenti

Questi report sono utili per ribadire l’efficacia di un approccio integrato: sito web per computer desktop e sito mobile ottimizzato per smartphone rappresentano la formula ideale per venire incontro alle nuove abitudini dei viaggiatori e soprattutto soddisfare le loro aspettative.

Anche io posso confermare la crescita del settore mobile, infatti le statistiche relative ai siti dei miei clienti albergatori, indicano una percentuale di accessi fra il 4 ed il 7%  tramite smartphone, con picchi in alcuni casi superiori al 10%.

Interessante notare che fra questi hotel solo coloro i quali hanno un sito mobile agganciano l’utente in maniera corretta, offrendogli un contenuto ottimizzato che rende la navigazione piacevole anche con smartphone.

Nel caso contrario di hotel che non hanno un sito mobile, le statistiche relative a bounce rate troppo alti e poche pagine visitate evidenziano la perdita del visitatore, che non potendo navigare agevolmente sul sito in versione desktop, lo abbandona subito.

Come soddisfare gli utenti mobile?

Vi spiego con un breve esempio, come dovrebbe funzionare un sito mobile e come andrebbe integrato correttamento nel sito desktop di un Hotel.

  1. L’utente dotato di smartphone effettua una ricerca su google mobile che lo porta sul sito dell’hotel
  2. il sito dell’hotel tramite uno sniffingrileva che l’utente si è collegato con smartphone
  3. grazie a questo rilevamento in automatico viene effettuato un redirect dal sito desktop al sito mobile
  4. il sito mobile deve essere performante e con contenuti ottimizzati per una navigazione veloce e snella
  5. il sito mobile deve avere dei link click to call sui numeri di telefono dell’hotel
  6. il sito mobile deve avere un collegamento con il booking engine dell’hotel
  7. il sito mobile deve prevedere lo switch alla versione desktop, qualora l’utente voglia navigare sul sito normale
  8. lato back end il sito mobile deve essere amministrabile con lo stesso CMS della versione desktop

Se volete vedere realmente in azione un sito 100% mobile collegatevi tramite smartphone a quello che abbiamo sviluppato per l’Hotel Palazzo Ravizza.

– Fonte: Emarketer

– Fonte: Eyefortravel

Articoli correlati:

Statistiche Web Mobile 2010: abitudini e preferenze degli utenti mobile

Click to Call: Google alla conquista dell’internet mobile!

Turismo e Web Mobile: amore a prima vista