Foursquare per hotel: come e perchè utilizzarlo in ambito turistico

foursquare-per-hotel

Nel 2011 abbiamo assistito a una crescita costante dei social network geolocal, di pari passo con la diffusione degli smartphone, e questo trend probabilmente continuerà a salire progressivamente. Per chi gestisce una struttura ricettiva è importante capire anzitutto se vale la pena essere presenti con un proprio profilo e come sfruttare questi social per trovare nuovi clienti e fidelizzarli.

La prerogativa dei social geolocalizzati, soprattutto di Foursquare, arrivato ad oltre 15 milioni di utenti e sul quale incentrerò questo post, è fondere online e onland, vale a dire interazione sul web (con amici e follower), condivisione di consigli su location, destinazioni e attività commerciali specifiche (ristoranti, negozi, musei, alberghi, città, attrazioni turistiche, qualunque luogo non virtuale) e opportunità promozionali esclusive. Le potenzialità sono enormi, poiché chi ha un’attività può proporre qualunque genere di sconto o di incentivo a chi fa check-in sul posto.

I check-in sono il modo in cui gli utenti registrati comunicano la propria posizione, tramite il sito web o l’applicazione installata sul proprio dispositivo mobile, e questi consentono di accumulare punti e badge, dei riconoscimenti che fanno di Foursquare anche un gioco, oltre ad essere un social utile per scoprire informazioni e consigli di vario genere.

Le brand page italiane

Le aziende italiane presenti su Foursquare con una propria pagina sono ancora poche (secondo i dati di Foursquare Italia erano 236 al 16 gennaio 2012) però il settore turismo è il più rappresentato (26 brand page non solo di hotel ma di tutto ciò che ruota intorno all’ospitalità), un dato che ci spinge a saperne di più.
La maggiore rappresentanza spetta alla Toscana (10 brand page), seguita dall’Emilia Romagna (3 pagine), e la tendenza di crescita delle brand page in generale è del 20% ogni mese, un segnale della sempre maggiore diffusione di questo social network.

Pensiamo adesso al settore ricettivo nello specifico: come può aiutarci Foursquare a far conoscere la nostra struttura a nuovi potenziali clienti, convincerli a visitare la venue e magari ricevere un feedback positivo?

Promuoversi in maniera efficace e profilare gli utenti

Prima di tutto è necessario reclamare la propria venue, inserire tutte le informazioni necessarie, foto ed eventuali consigli, dopodichè riceverete anche l’adesivo di Foursquare da mettere in bella mostra nel vs. hotel. Successivamente potete creare una promozione, che deve essere approvata dal team di Foursquare.
Fatto ciò, grazie alla piattaforma commerciale gratuita, sarà possibile ricavare moltissimi dati utili sugli utenti che faranno check-in nella vostra venue e di conseguenza sarà molto semplice misurare l’impatto delle vostre iniziative.
La tipologia di sconti offerti o le condizioni per le promozioni possono variare parecchio, per questo prendiamo in esame qualche case study straniero per avere le idee più chiare e presentare un’offerta su misura per i nostri clienti.

Case study: come realizzare un’offerta efficace

Una promozione riuscita, che contribuisce a lasciare un buon ricordo al cliente e a incentivarlo a spendere è quella che ha offerto l’hotel Los Gatos, in California, che ha regalato a ognuno dei clienti dell’hotel che eseguiva il check-in su Foursquare, un credito di 10$ per il minibar in camera.
Non è solo la promozione in sé ad assicurare un risultato positivo, ma l’attenzione per l’accoglienza e i prezzi ragionevolmente bassi delle bevande del minibar hanno fatto sì che alcuni clienti abbiano acquistato prodotti e bevande per un valore superiore al credito, promuovendo contemporaneamente il ristorante interno dell’albergo, tramite le consumazioni del minibar marchiate con il brand del ristorante.

Un modo molto semplice per incentivare i propri clienti a ritornare, sfruttando la propria presenza su un social geolocalizzato.

Un’altra modalità è quella offerta dalla catena di hotel con base in Inghilterra Radisson Edwardian, che ha proposto 2 ore extra in omaggio per l’ultimo giorno di permanenza a tutti i clienti che fanno il check-in su Foursquare o Facebook Places, un’idea originale per consentire una vacanza ancora più comoda a chi sceglie uno di questi hotel. La stessa catena di alberghi di lusso, inoltre, ha cominciato a includere nei propri menù i QR codes per accedere a informazioni aggiuntive sulle proposte del ristorante (ad esempio il piatto del mese, con ricette e video dello chef dell’hotel), la conferma di una grande attenzione verso i clienti che usano gli smartphone soprattutto in vacanza.

Se invece lo scopo è farsi conoscere anche a chi non è ancora nostro cliente, una buona pratica è offrire un servizio che non richieda necessariamente di aver già prenotato. Il case study del Ritz-Carlton dà un buon suggerimento su cosa fare: lo staff di questa catena di hotel ha collaborato attivamente fornendo dei consigli turistici, che normalmente vengono dati agli ospiti, direttamente al team che si occupa della brand page su Foursquare. Così una serie di suggerimenti utili diventano disponibili a tutti gli utenti che si trovano nelle vicinanze dell’hotel (sono 76 in tutto il mondo) e il Ritz-Carlton ha ottenuto un incremento di follower su Foursquare (da 300 a 1300) e soprattutto ha consolidato la propria autorevolezza (brand awareness).

Offrire idee e consigli ai viaggiatori, senza aspettarsi in cambio una contropartita, è una strategia efficace per instaurare fiducia e proporsi come un valido supporto a un’esperienza turistica.

Le nuove feature di Foursquare: non solo check-in

I più recenti upgrade di questo social vanno proprio nella direzione di un servizio che dia consigli utili agli utenti e non solo badge: la funzione Esplora, la nuova versione del search engine interno di Foursquare, personalizza maggiormente la fruizione dell’utente.

La novità consiste nel dare risposte mirate all’utente in base ai suoi gusti, calcolati attraverso i check-in già effettuati. Così è possibile cercare un hotel anche prima di partire, controllando quali sono quelli suggeriti dai propri amici su Foursquare, oppure filtrare la ricerca con un parametro specifico.
Quindi anche la fase di planning di una vacanza può essere influenzata da un social geolocalizzato e non solo quando ci si trova già sul posto, tramite proposte affini alle proprie preferenze, in altre parole è una grossa opportunità per gli albergatori di raggiungere più facilmente il target di riferimento.

I bottoni social di Foursquare sul tuo sito web

Un’ulteriore funzionalità da non sottovalutare è quella di inserire il bottone “follow” sui propri siti, dopo essersi registrati a Foursquare: sembra logico, eppure molte brand page italiane non danno questa possibilità sui siti ufficiali delle aziende!
Chi gestisce una brand page può configurare il pulsante e ottenere un codice da inserire sul proprio sito, così da permettere agli utenti di seguire tutti gli aggiornamenti della propria azienda. Inoltre c’è un’altra feature molto utile per gli utenti che vogliono aggiungere i tip (i consigli) alla lista di cose da fare su Foursquare: è il bottone “salva su foursquare”, ridisegnato di recente per offrire una maggiore usabilità.
Chi gestisce un profilo può inserire questo pulsante all’interno di qualsiasi pagina HTML, così da aiutare gli utenti a salvare recensioni e articoli relativi alla propria venue per consultarli in un momento successivo.

Si tratta di piccoli dettagli che però denotano l’attenzione di un brand verso i propri profili social e costituiscono un valido supporto alle campagne marketing.

Come vedi Foursquare è uno strumento facile e potente con il quale puoi fare marketing territoriale, promuovere il tuo hotel e la destinazione in cui è ubicato. Ti consiglio vivamente di utilizzarlo anche perchè è gratis! :-)

Link utili per cominciare ad utilizzare Foursquare

Dichiara la tua attività

Creazione di una promozione

Pulsante “Salva su Foursquare”

Pulsante Segui di Foursquare

Fonti case history:

http://innerarchitect.com

tnooz

http://www.hotelmarketingstrategies.com

Articoli correlati

Twitter per Hotel: i 10 tipi di tweets più efficaci

“Ti è piaciuto questo articolo? Allora cosa aspetti? Iscriviti al feed rss per essere sempre aggiornato, oppure per seguire tutte le iniziative, i concorsi e i contenuti extra puoi anche seguirmi su Google +, sulla facebook fan page, o tramite il mio account twitter!”

  • Eli

    Temo di non aver ben capito la differenza fra venue reclamato di un’attività commerciale, ad esempio un hotel, e una pagina brand in cui ho visto ci sono comunque hotel….sono la stessa cosa ? Grazie a chi vorrà schiarirmi le idee :)

  • Anonimo

    Ciao Eli, se crei la pagina della tua struttura ricettiva potrai aggregare check in, foto, consigli, e recensioni degli utenti, oltre ad avere un pannello di controllo che ti consentirà anche di vedere statistiche e interazioni. Una brand page tipo quella da te descritta, sembra la pagina relativa ad una località, che evidentemente mette in risalto tutte le strutture ricettive in quella zona. Spero di esserti stato utile, saluti. Enrico

  • Patrizia Ferro

    ho un hotel anch’io e seguendo i tuoi consigli mi sono affacciata sul mondo foursquare.
    ti ringrazio per tutti i cosigli utili che ci dai.
    ora sto aspettando da four la verifica della proprietà tramite mail con istruzioni.
    grazie ancora

  • turismoeconsigli

    Di nulla Patrizia, in bocca al lupo per il codice di verifica!