Italia.it presentazione ufficiale del nuovo portale

nuovo portale italia.it

Ieri mercoledì 15 luglio 2009 il Ministro del turismo Brambilla, il Ministro per la Pubblica Amministrazione Brunetta, ed il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi hanno presentato a Palazzo Chigi il progetto relativo al nuovo portale del TurismoItalia.it”.

Durante la conferenza stampa sono stati illustrati i temi, le modalità ed i contenuti del nuovo portale, il quale è attualmente in fase beta e che dovrebbe essere ultimato secondo una roadmap che va da ottobre a fine 2009.

Presentazione del nuovo portale italia.it

La conferenza è iniziata con un breve discorso introduttivo del Presidente Berlusconi, il quale sottolineando l’assolutà necessità di questo sito ufficiale per promuovere il turismo in Italia, ha poi evidenziato la propensione commerciale del portale, che consentirà la “vendita concreta” di  vacanze al suo interno, tralasciando finalmente il vecchio concetto di sito promo-emozionale.

Successivamente il Ministro Brunetta ha voluto evidenziare la reale paternità del progetto, che era stato promosso dal precedente Governo Berlusconi nel 2004, stanziando 45 milioni di Euro di fondi, ma che successivamente erano stati utilizzati in malo modo dal Governo Prodi, con i risultati che tutti conosciamo. Il nuovo portale italia.it costerà solo 5 milioni di Euro e verrà sviluppato in collaborazione con l’ACI (automobil culb italia), che ha sviluppato l’attuale sito in fase beta a titolo gratuito.

Ha poi proseguito il Ministro Brambilla, che all’inizio del suo discorso afferma che  “l’Italia è la meta più ricercata da circa l’80% dei turisti nel mondo, ma poi quelli che passano dalla ricerca di informazioni all’acquisto di una vacanza sono meno della metà”, un dato che aggiungo io,  rende l’idea sul nostro reale potenziale.

La Brambilla specifica che il nuovo portale sarà diviso in tre macro aree:

1.  Quella dei contenuti, con descrizioni sulle varie destinazioni, immagini, video e tour virtuali di ultima generazione, divisi a loro volta in categorie specifiche  a seconda della tipologia di viaggio (per famiglie, benessere, golf, enogastronomia, etc..).

2. Quella promo-commerciale, che grazie alla piattaforma chiamata Destination Management System (un gestionale per il booking online), rappresenterà una vetrina per la vendita online,  aperta a tutte le strutture ricettive italiane, le quali potranno pubblicare, aggiornare e vendere direttamente a tutti i turisti del mondo i propri pacchetti vacanza, senza alcun costo di intermediazione. Questa piattaforma potrà essere utilizzata anche per il b2b, quindi tutti gli operatori come agenzie di viaggio e tour operators italiani e stranieri, potranno vendere le loro offerte sul portale italia.it.

3. La terza macro area è quella del web 2.0,  che racchiude tutte le caratteristiche necessarie per la riuscita di un portale di questo tipo e cioè l’integrazione al suo interno di una community tipo social network, che possa interagire sui temi e contenuti di italia.it, creando discussioni o dando voti alle mete o agli itinerari consigliati.

La conferenza prosegue poi con un video dimostrativo sui contenuti del nuovo portale, che si apre con un filmato introduttivo con carrellata delle bellezze paesaggistiche italiane, accompagnato come per il video del logo magic italy, da una voce tenorile (forse del maestro Pavarotti? a me sembra essere big Luciano).

Il nuovo portale è multilingua ed i suoi contenuti verranno continuamente aggiornati, dando anche una rotazione costante alle varie informazioni in vetrina sull’home page. Chiaramente è presente un motore di ricerca interno, chiamato “cerca italia” che consente di trovare ogni informazione sulla destinazione prescelta, con tanto di link ai vari siti istituzionali di regioni, enti, parchi, musei, etc… Stesso discorso per la scelta degli alberghi, che possono essere trovati inserendo molteplici opzioni come la destinazione, la fascia di prezzo, la tipologia, etc…

C’è poi una mappa interattiva realizzata con la tecnologia di google maps e che presenta al suo interno moltissimi video e tour virtuali abbinati alla località italiane.

E’ poi presente una sezione “collabora con noi“, che denota la volontà di accettare consigli e suggerimenti per migliorare l’attuale progetto in fase dimostrativa.

Da menzionare il singolare scambio di battute fra i due ministri, con Brunetta che dice: “Michela è bellissimo ci teniamo questo e risparmiamo 5 milioni di euro!”, e la Brambilla che risponde: “è gratis e ci abbiamo messo solo 2 settimane“.

Le premesse e le promesse fatte durante la conferenza sono confortanti, il nuovo italia.it potrebbe avere tutte le carte in regola per essere promososso, ma chiaramente le mie personali impressioni sulla beta del progetto sono rimandate al prossimo articolo, che pubblicherò solo dopo aver visto con i miei occhi la versione online, che dovrebbe essere lanciata entro la giornata di oggi.

Immagino che anche voi non stiate nella pelle…..

Aggiornamento alle ore 17.10: Tutto tace, il portale italia.it attualmente è ancora offline e viene richiesta un’autenticazione tramite username e password. Attendiamo sviluppi con impazienza, mi auguro non ci siano ritardi eccessivi…

Aggiornamento alle ore 18.07: E’ finalmente online il portale! Vado a spulciarlo in ogni sua sezione per darvi le mie opinioni personali nel prossimo articolo.

“Ti è piaciuto questo articolo? Allora cosa aspetti? Iscriviti al nostro feed rss per essere sempre aggiornato sui contenuti pubblicati nel blog Turismo&Consigli. Non sai cos’è un feed? Clicca qui per saperne di più

2 Comments

  • Mauro Pecci scrive:

    Bell’articolo! Mi hai evitato di vedere il video della conferenza stampa in streaming, vivo in collina in Puglia e con la mia connessione a 128 kb, ci avrei impiegato un secolo…
    Essendo un albergatore anche io spero fortemente nel lato commerciale del portale, solo con la vendita online ci sarà un reale beneficio per gli operatori.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>