Ultime novita’ in casa Google – L’algoritmo perfetto

google-real-time-search

Oggi voglio parlare delle ultime novità che riguardano Google, cercando di analizzare le “conseguenti implicazioni” che coinvolgeranno la visibilità di un sito web, sul più importante motore di ricerca del mondo.

Negli ultimi tempi google ha infatti annunciato ed in parte già messo in pratica, nuovi criteri e parametri riguardanti il suo algoritmo, che si affina e migliora costantemente, portando di conseguenza cambiamenti significativi sia per l’aspetto del ranking, che per la classificazione dei risultati.

Ma oltre a questi aspetti tecnici, google ha anche attivato una serie di nuove opzioni per un maggiore coinvolgimento degli utenti, che ora hanno la possibilità di interagire e comunicare i loro gusti e le loro preferenze su ogni sito da loro visitato.

Essendo un argomento molto articolato dividerò il post in due parti, nella prima descriverò i cambiamenti dell’algoritmo, mentre nella seconda affronterò l’aspetto dal lato utente.

SITE PERFORMANCE – Quanto è veloce il tuo sito web?

Google ha annunciato che nel 2010 verrà preso in considerazione un nuovo parametro per la classificazione di un sito web, la velocità di caricamento.

Quindi in futuro un sito web molto pesante e di conseguenza lento, verrà penalizzato nei risultati del ranking di Google, rispetto ad un sito più leggero e performante.

Una scelta che va completamente in controtendenza con le logiche del web odierno, visto che grazie alla diffusione della banda larga e delle linee internet veloci, i siti web realizzati in tempi recenti, potevano essere molto più ricchi di effetti grafici rispetto al passato.

Si aprono dunque scenari abbastanza imprevedibili, poiché ad oggi non è dato sapere quanto il fattore velocità influenzerà Google, rispetto ad altri elementi che riguardano il posizionamento di un sito web (link popularity, ottimizzazione dei contenuti, etc..).

Per esempio in virtù della site performance, in futuro verrà premiato il concetto “less is better?

Ovvero per il proprio hotel sarà meglio avere un sito essenziale e con pochi fronzoli, ma forse un po’ meno coinvolgente per l’utente?

Oppure sarà meglio continuare ad avere un sito più emozionale, ricco di animazioni in flash o javascript, ma chiaramente più pesante?

Pongo questa domanda a me stesso, poiché sono sicuro che alcuni miei clienti rinunceranno a malincuore ai loro siti web con introduzioni musicali, animazioni e menù ad effetto, immagini di qualità, e plug in per l’interazione con social network.

Ma c’è dell’altro, poiché in base a questo parametro, oltre all’aspetto grafico, l’albergatore in futuro dovrà anche preoccuparsi di dettagli tecnici, che in precedenza potevano essere trascurati, tipo la velocità di risposta del server.

Mi riesce facile immaginare la competizione che si scatenerà in questo ambito fra hoster e web agency, per chi ha il server più veloce, con annunci in stile automobilistico tipo “da o a 100 mega byte in meno di un secondo” :-).

Comunque nonostante ancora non si conoscano gli effetti del nuovo parametro velocità, consiglio a tutti gli albergatori di effettuare alcune verifiche sul proprio sito, onde evitare di avere brutte sorprese e perdere posizioni su Google.

Test per la velocità di un sito web

E’ possibile verificare la velocità di un sito in 3 modi:

- tramite altri siti che effettuano il test
- con il plug in ufficiale di google
- dal webmaster tools sempre di google.

Analisi con siti test:

La prima opzione è la più facile e alla portata anche dei meno esperti. Basta effettuare il test su uno di questi 2 siti, Pingdom Tools o Iweb Tool, inserendo il dominio del vs. hotel e premendo il pulsante check.

Per darvi un riferimento tempistico, un sito mediamente veloce dovrebbe caricare entro 4/5 secondi, per cui se siete oltre i 9 o 10 secondi cominciate a preoccuparvi.

Purtroppo ho verificato che in molti casi i risultati su questi 2 siti test non coincidono, quindi la verifica non è affidabile al 100% e va presa con le pinze.

Le altre due opzioni per effettuare il test non sono semplicissime, ma sono decisamente più affidabili.

Essendo operazioni più complesse non spiegherò i passaggi in maniera dettagliata, ma se volete potete richiedere l’analisi della velocità alla vs. web agency, o al sottoscritto, mandandomi una mail all’indirizzo info@turismoeconsigli.com

Analisi con page speed test di google:

Se utilizzate il browser firefox (che fra l’altro consiglio a tutti essendo migliore di internet explorer), scaricate ed installate il plug in firebug e successivamente il plug in ufficiale di google page speed test.

Dopo aver installato i 2 plug in riavviate firefox e fate il test, che vi darà come risultato un’analisi del sito con tanto di suggerimenti per ottimizzarne la velocità.

Analisi dal Webmaster tools di google:

L’ultima verifica può essere fatta direttamente dal webmaster tools di google, nel quale è stata aggiunta da pochi giorni la funzione sperimentale “prestazioni del sito”.

Eseguendo il test google vi dirà esattamente i tempi di caricamento del vostro sito, mettendo quest’ultimo a paragone con la velocità media degli altri siti mondiali, un modo per avvertirvi se siete più lenti rispetto al dovuto.

Vi faccio un grosso in bocca al lupo!

REAL TIME SEARCH – Google indicizza i Social Network

 

Altra incredibile novità è la ricerca in tempo reale, che google effettua scandagliando i social network come Facebook, Twitter e Myspace, fornendo poi nei risultati del suo ranking anche le conversazioni fra gli utenti, i messaggi pubblicati sui loro profili e le discussioni delle fan pages.

Per comprendere meglio vi consiglio di vedere questo video:

Google ha compreso l’importanza di queste community, la diffusione che stanno avendo nel mondo e la forza del passaparola che riescono ad innescare, contenuti preziosi che secondo le menti geniali di Mountain View non possono mancare nel motore di ricerca perfetto.

Quindi se prima qualcuno poteva avere dei dubbi, ora i vantaggi di avere per il proprio albergo una fan page su facebook o un account su twitter, sono innegabili.

Pubblicando infatti sui social network, offerte e pacchetti riguardanti il vs. hotel o semplicemente dialogando con la vs. community, aumenterete le possibilità di comparire nei risultati di google.

Al momento la real time search è attiva solo su google.com ma a breve sarà funzionante anche su google.it.

LOCAL SEARCH – Ricerche assistite per gli utenti

Questa funzione chiamata Google Local Search è attiva da pochissimo ed entra in gioco quando si effettuano ricerche con termini generici, in base alla zona geografica in cui si trova l’utente.

Fate una prova, andate su google e scrivete la parola chiave “hotel“, vedrete che il motore di ricerca restituisce come risultati della google map, i siti web degli hotel nella vs. area geografica.

Esempio: io che in questo momento sono a Roma nel mio ufficio, se effettuo una ricerca su Google con la sola parola chiave hotel, ricevo come risultati tutta una serie di siti web di hotel presenti nella mia stessa città, Roma appunto.

Vedi immagine esempio (CLICCA SULLA FOTO PER INGRANDIRLA):

esempio google local search

Per sfruttare questa nuova funzione non dovrete fare niente, Google individua quale sia l’area geografica del vs. sito web in maniera automatica.

CONSIDERAZIONI

Il nuovo parametro site performance e le funzioni di real time e local search, dimostrano come google sia fortemente proiettato verso la soddisfazione degli utenti.

Gli sforzi ed i miglioramenti costanti dell’algoritmo, secondo google, sono tutti necessari per offrire un’esperienza di navigazione migliore, con siti più veloci e performanti, ma anche per semplificare la vita degli utenti, fornendo loro ricerche rapide e risultati sempre più pertinenti.

Leggi la seconda parte dell’articolo: Google e l’interazione con gli utenti

“Ti è piaciuto questo articolo? Allora cosa aspetti? Iscriviti al nostro feed rss per essere sempre aggiornato sui contenuti pubblicati nel blog Turismo&Consigli. Non sai cos’è un feed? Clicca qui per saperne di più


8 Comments

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>