Disintermediazione Turistica – Parte 3 – Portali Turistici

portali-turistici

Dunque dove eravamo rimasti? Ah già! Si parlava di disintermediazione turistica per gli albergatori.

Facciamo un breve riassunto dei due post precedenti:

  1. nella prima parte ho elencato gli elementi on site che devono essere presenti nel sito web di una struttura ricettiva (sito dinamico, grafica accattivante, booking engine, etc..)
  2. nella seconda parte invece ho parlato di Pay per Click, forma pubblicitaria ideale per dare visibilità immediata al sito sui motori di ricerca, e di SEO, ovvero di ottimizzazione del sito per apparire nei primissimi risultati di Google, Yahoo e Bing.

In questa terza parte comincierò a parlare di Elementi Off Site, o meglio di quei “fattori esterni al sito web“, che si rivelano determinanti per la promozione su internet, soprattutto in ambito SEO, dato che contribuiscono ad incrementare la visibilità di un sito nei motori di ricerca.

Il più importante degli elementi off site è l’inserimento del proprio sito web in portali turistici per strutture ricettive.

PORTALI TURISTICI

Sono siti di grandi dimensioni, che hanno al loro interno decine se non centinaia di strutture ricettive, ognuna delle quali è presente con almeno una pagina di presentazione, in cui solitamente si trova descrizione, galleria fotografica, e contatti dell’hotel, fra cui un link diretto al sito web ufficiale.

Essere presenti in portali di questo tipo è importante per molteplici motivi:

  • aumenta gli accessi sul sito ufficiale dell’ hotel nonchè le prenotazioni da parte di utenti targhetizzati
  • aumenta la link popularity di un sito, cioè il numero di siti che linkano verso il sito web dell’hotel (più link=sito più importante per i motori di ricerca)
  • aumenta il trust rank, cioè “l’affidabilità e l’autorevolezza” del sito per i motori di ricerca

Un link diretto da un portale importante e con molta visite, oltre a veicolare in maniera diretta potenziali clienti, incrementa dunque le possibilità del sito ufficiale dell’hotel di apparire sui motori di ricerca, per keywords molto competitive.

Facciamo un esempio pratico:

Il mio portale www.relaistoscana.com ha un’ottimo posizionamento su Google, per le principali parole chiave sul turismo di alto target in Toscana, tipo relais toscana, boutique hotel toscana, etc. Tale visibilità è difficilmente raggiungibile da siti web di piccole dimensioni o scarsamente ottimizzati lato SEO, quindi per molti hotel, l’inserimento nel portale è l’unico modo per raggiungere utenti che altrimenti non verrebbero mai intercettati.

Oltre a questo beneficio, bisogna aggiungere l’importanza ottenuta dal link diretto presente nelle pagine di presentazione, come questa per esempio: Aia Mattonata

Bisogna però specificare che non tutti i portali sono uguali, dato che la maggior parte di questi non giustificano la spesa relativa al canone di inserimento, sia dal punto di vista delle visite ricevute, sia per la “qualità del back link“.

Non è necessario essere presenti su decine di questi portali, ne bastano tre o quattro, ma è fondamentale capire quali sono quelli validi e quelli inutili, onde evitare di sprecare soldi inutilmente.

Come individuare il portale più adatto per il proprio hotel?

Io consiglio questi tre metodi:

A) Effettuate una ricerca su google con parole chiave composte da tipologia di struttura ricettiva + zona geografica del vostro hotel e prendete in considerazione solo i portali che risultano entro le prime 10 posizioni del ranking.

Esempio: se avete un bed and breakfast a Roma, inserite nel campo di ricerca “b&b roma” e consultate i portali in prima pagina. Successivamente per appurare che la visiblità del portale sia veramente buona, provate a compiere altre ricerche con almeno 4 o 5 combinazioni di sinonimi, e magari anche in lingua straniera, tipo “bed and breakfast rome“. Incrociando i risultati di queste ricerche dovreste aver già individuato i portali migliori.

B) Scegliete solo portali che inseriscono un link diretto al sito web senza attributo “nofollow”, altrimenti il link non avrà utilità ai fini SEO. Il link nofollow infatti non passa page rank e viene ignorato dai motori di ricerca. Per accertarvene basta chiedere ai titolari del portale questo dettaglio, prima di sottoscrivere il contratto.

C) Verificate che le pagine del portale relative alle varie strutture ricettive, siano indicizzate nei motori di ricerca, ed abbiano un page rank minimo pari a 1.

Il page rank è quella barretta verde presente nella google toolbar, che indica il valore attribuito da google ad ogni pagina web, più è alto e più la pagina in questione risulta importante. Nonostante in molti sostengano che sia morto da tempo, è ancora oggi l’elemento primario che ci indica l’autorevolezza e la popolarità di un sito internet.

Per vedere il page rank di una pagina web basta installare nel vs. browser la google toolbar ed abilitare l’opzione specifica. Farlo è semplicissimo, seguite i due passaggi presenti nella guida ufficiale di google.

Per ora è tutto, nel prossimo post parleremo di un altro rilevantissimo elemento off site, il corporate blog!

“Ti è piaciuto questo articolo? Allora cosa aspetti? Iscriviti al nostro feed rss per essere sempre aggiornato sui contenuti pubblicati nel blog Turismo&Consigli. Non sai cos’è un feed? Clicca qui per saperne di più


  • Pingback: Disintermediazione Turistica: Guida e consigli per gli albergatori che vogliono aumentare la visibilità del loro hotel |()

  • Pingback: Disintermediazione Turistica per Albergatori: Parte 2 Seo & Pay Per Click |()

  • http://sites.google.com/site/narentialberto/ Alberto

    Si certo avere dei backlinks è importante ma molto importante è anche da che siti provengono, nel senso che se un portale turistico ha centinaia di link di hotel, avrà un peso inferiore di un sito con lo stesso pagerank e/o trust rank ma con pochi link..

  • http://www.secretkey.it/ Enrico Ferretti

    D’accordissimo con te Alberto! La qualità del backlink è fondamentale, meglio ricevere un solo link da un sito autorevole che 100 links da siti con poco page e trust rank.

  • Pingback: Corporate blog per hotel: Disintermediazione Turistica parte 4 |()

  • http://areapress.skynetsrl.it/ Infoseps

    Assolutamente d’accordo con tutto quanto qui scritto. Io per vedere se un link è dofollow uso la pratica applicazione di Firefox “NoDoFollow” che fa apparire in blu i link dofollow e in rosa i nofollow.

    Riguardo all’authority di un sito, oltre al Pagerank, io consiglio anche Backlink Seo Tool che fa apparire i migliori siti per la keyword che decidiamo di inserire a seconda del loro rank in Alexa e dei loro backlinks in Google e Yahoo.

  • http://www.secretkey.it/ Enrico Ferretti

    Ciao Luca, non conoscevo l’applicazione NoDoFollow per firefox, grazie per la segnalazione, la scarico subito!

  • http://www.hotelconsigliati.it hotel milano marittima

    Sui portali appena avviati è necessario non dare link verso l’esterno. Ne ho avuta piena conferma. E’ difficile trovarne che possano mettere link senza nofollow senza perdere di posizionamento,

  • http://www.secretkey.it/ Enrico Ferretti

    Ciao, mi spiace ma ti smentisco in pieno, sui siti nuovi e non solo inserire link esterni verso siti autorevoli e tematici porta dei benefici lato SEO, perchè ti categorizza rispetto al tuo settore.

    Ovviamente non bisogna esagerare, altrimenti si rischia di perdere link juice, quindi in alcuni casi è corretto attribuire il rel no follow come attributo.

    Un saluto.