Strategie vincenti per le Fan page su Facebook

mag 05, 2011 8 Comments by

Mari Smith è la coautrice di Facebook Marketing: An Hour a Day, è stata definita “il pifferaio magico del web” ed è particolarmente esperta di strategie di marketing su Facebook.

Per questo motivo il prestigioso blog hubspot recentemente le ha posto alcune interessanti domande relative alla gestione di Facebook Fan page.

In particolare in questa intervista scopriremo:

  • che tipo di contenuti funziona meglio su Facebook per coinvolgere gli utenti
  • con quale frequenza postare per avere più visibilità
  • cos’è l’Edge Rank di Facebook e a cosa serve
  • Perché avere una landing page personalizzata è fondamentale per la propria pagina
  • Le miglior app di terze parti per Facebook consigliate da Mari

Che tipo di contenuti dovremmo condividere?

Risposta: Io suggerisco un mix di quello che definisco contenuti di vostra proprietà e OPC, cioè il contenuto creato da altre persone. Sarebbe utile raggiungere un equilibrio di 50 e 50.

Quando si posta un contenuto su Facebook le domande sono sempre efficaci. Mari riporta uno studio di Buddy media (http://forms.buddymedia.com/whitepaper-form_review-strategies-for-effective-facebook-wall-posts.html) da cui emerge che i post non dovrebbero superare gli 80 caratteri.

Un gran numero di fan attualmente non ritorna più sulla vostra fan page dove aver cliccato il Mi Piace, quindi è importante mantenere il vostro contenuto stimolante e cercare di provocare i “Mi Piace”, così da essere visibili con continuità in bacheca.

Frequenza dei post

Risposta: Io credo che per le piccole imprese sia una buona abitudine postare due o tre volte al giorno. E’ quello che faccio e sto per raggiungere i 40.000 fan.

So che se non posto più, la percentuale di unlike e di hide sale, poiché le persone purtroppo scelgono di nascondere le notizie sul proprio feed.

Edge Rank, cos’è e a cosa serve

L’Edge Rank è “un complesso algoritmo di ranking che Facebook usa sotto una chiave cifrata”. Ogni contenuto passa attraverso questo algoritmo che decide quale contenuto dovrebbe essere mostrato all’utente finale.

L’edge rank tra la vostra pagina e ogni utente è unico ed è basato su 3 fattori:

  1. Affinità: Il primo fattore è ciò che chiamiamo affinità, dato dal numero complessivo di interazioni con un utente. Cioè se io e te stiamo interagendo molto, o se io interagisco spesso con la tua fan page, io vedrò più spesso i tuoi post. Se siamo amici e interagiamo spesso, io vedrò più spesso il contenuto postato sul tuo profilo. Se la condivisione con qualcuno è bassa, di conseguenza sarà minore l’affinità.
  2. Peso: Riguarda la tipologia del contenuto. Ad esempio le foto costituiscono una piccola parte di questo peso. Sia le foto che i video, i link, gli aggiornamenti di stato e sfortunatamente le app di terze parti sono considerati meno rilevanti di un contenuto di altro genere, come quello creato appositamente.
  3. Tempo: Quanto è recente il post? I post più vecchi sono mostrati meno frequentemente.

Quando postare un aggiornamento in bacheca?

Cerca i momenti di maggior traffico. Mari preferisce postare nelle ore di picco, tra le 7:00 e le 8:00 del mattino e poi verso le 13:00 o poco dopo.

Risposta: Quello che è affascinante, come risulta anche dal report di Buddy Media, è che questo momento varia a seconda degli orari di lavoro.

Controllate gli Insights della vostra fanpage su Facebook e i dati demografici dei vostri fan. Potreste avere dei fan in Australia o in Europa che vogliono dei contenuti nei loro orari di punta.

Enrico: Agli hotel che hanno fan page multilingua per utenti italiani e stranieri, consiglio di differenziare la pubblicazione di un contenuto in bacheca, utilizzando la funzione personalizzata (vedi le 2 immagini di seguito). Tale funzione vi consente di filtrare la visualizzazione di un aggiornamento a seconda di nazione o lingua target.

In questo modo se volete pubblicare un aggiornamento in italiano, potete veicolare tale messaggio solo verso i fans che parlano tale la lingua, evitando di veicolare un contenuto incomprensibile per gli utenti stranieri, che magari potrebbero non gradire e decidere di rimuoversi come fan.

Facebook Page Insights

Le Impressions equivalgono a quante volte il contenuto è stato diffuso, non necessariamente a quante persone lo hanno visto.

Mari suggerisce, anziché vedere le impressions, di “focalizzarsi sul feedback. Se conteggiamo i like e i commenti ricevuti complessivamente e li dividiamo per il numero di impressions otteniamo una percentuale di feedback”.

Mari consiglia anche di tenere d’occhio gli unlike e gli hide sulla vostra pagina. E’ l’equivalente di Facebook per gli unsubscribe.

Gli ultimi cambiamenti di Facebook

Prima di tutto, accedere a Facebook come fanpage anziché con il proprio profilo personale è un ottimo modo per contattare i fan e interagire con loro.

La novità più recente, che rappresenta una funzione estremante utile per un’azienda che ha un profilo social, è Facebook Questions. Da pochi giorni implementato anche in Italia con il nome Domande, si tratta di un tool che consente di creare domande da sottoporre ai propri amici o fan.

Io per esempio ho pubblicato sulla fan page di Turismo&Consigli una domanda per sapere quali temi interessano di più ai miei lettori.

A proposito, se non lo hai fatto partecipa anche tu: http://www.facebook.com/webmarketingturistico

Nel caso di una fan page di una struttura ricettiva, ad esempio, chi la gestisce può creare un sondaggio con risposte predeterminate (come esprimere una preferenza tra un servizio piuttosto che un altro), oppure permettere risposte aperte e personalizzabili (come un’opinione su un evento in particolare o una risposta più articolata).

In ambito marketing è un’opzione senza dubbio efficace, perché è un metodo per “tastare il polso” ai propri fan e verificare i punti di forza della propria strategia di advertising online, ma anche per stimolare la partecipazione dei fan alle proprie attività.

Perché gli Iframe personalizzati su Facebook sono vincenti!

“Jeff Widman di BrandGlue ha svolto uno studio in cui ha fatto un test tra due inserzioni pubblicitarie. Un primo gruppo era linkato alla landing page customizzata, un altro gruppo linkava alla bacheca della fan page. La landing page customizzata ha convertito il 47% dei visitatori in fan, mentre la bacheca ha convertito solo il 26%”.

La welcome tab è qualcosa che dovreste assolutamente personalizzare. Questo vi consentirà di comunicare all’utente cosa aspettarsi dalla vostra fan page offrendo una significativa opportunità di conversione.

Usa le Tag su Facebook

Una delle caratteristiche meno sfruttate della bacheca di Facebook è l’uso del tagging @.

Quando in un post ci riferiamo al contenuto diffuso da altre persone è sempre opportuno cliccare sul Mi Piace della loro pagina (dopo essersi loggati come fan page) prima di condividere quel contenuto. Questo permette di taggare con @ i loro nomi e avere il post sia sulla propria bacheca che su tutte quelle degli utenti taggati.

Per scoprire altri suggerimenti utili per la promozione di hotel e strutture ricettive su facebook, leggi la mia presentazione Facebook per Hotel.

Intervista liberamente tradotta da: Hubspot Blog

Articoli correlati

- Come misurare gli investimenti sui social network

- Buoni propositi per una strategia Social Media

“Ti è piaciuto questo articolo? Allora cosa aspetti? Iscriviti al nostro feed rss per essere sempre aggiornato sui contenuti pubblicati nel blog Turismo&Consigli, oppure diventa fan sulla nostra pagina facebook!”

Archivio Post, Interviste, Social Media Marketing

Autore del post:

Innanzitutto ti ringrazio per la visita! Mi chiamo Enrico Ferretti ho 34 anni, vivo a Roma e sono un consulente e docente di web marketing. Questo blog è il mio diario digitale che riporta e analizza i principali trends del travel online e nel quale condivido esperienze, presentazioni e case history. Se vuoi puoi commentare gli articoli ed esprimere una tua opinione sugli argomenti proposti. Buon proseguimento!
  • http://www.hotelconsigliati.it ilario

    L’iframe tab è ottimo. Confermo un ottimo ritorno anche nella fan page del mio sito.

  • Gabbry79

    Sono riuscito ad ottenere ottimi risultati convertendo la pagina Facebook della mia struttura integrando il sito del mio bed and breakfast vendendo le mie camere anche su Facebook. http://www.bedzzle.it/promozione-strutture-ricettive#sito-pagina-facebook
    Confermo un ottimo ritorno!

  • Ciancio-bonfa

    Complimenti per l ottimo articolo, ma per quanto mi riguarda non mi è cosi semplice seguire il tuo discorso, sono ai primi passi su internet… pero so che i fans si possono anche ottenere acquistandoli,  io ne presi qui  http://www.facebookfans.it/ , c’e anche la possibilita si poter scegliere il target!

  • Ciancio-bonfa

    Complimenti per l ottimo articolo, ma per quanto mi riguarda non mi è cosi semplice seguire il tuo discorso, sono ai primi passi su internet… pero so che i fans si possono anche ottenere acquistandoli,  io ne presi qui  http://www.facebookfans.it/ , c’e anche la possibilita si poter scegliere il target!

  • Anonimo

    Ciao Ciancio e grazie per i complimenti.
    Sinceramente non credo che comprare i fans un tanto al kg sia una pratica che porti dei risultati, quei fan per me rappresentano solo un numero vuoto privo di significato.

  • Anonimo

    Ciao Ciancio e grazie per i complimenti.
    Sinceramente non credo che comprare i fans un tanto al kg sia una pratica che porti dei risultati, quei fan per me rappresentano solo un numero vuoto privo di significato.

  • Ciancio-bonfa

    Non e’ del tutto vero, i fan che ho ricevuto leggono i miei post, commentano condividendo con altri amici e stanno crescendo davvero!… e adesso spontaneamente col passaparola tra gli amici. Le percentuali di interazione sono basse rispetto al numero di fans, pero ho notato che anche in altre pagine molto importanti questa percentuale è comunque ridotta.

  • Anonimo

    Sicuramente sei stato fortunato, di solito i fan acquistati in questo modo non portano alcun effetto positivo…